Quinto corso di archeologia

Prossime lezioni mercoledì 20 e lunedì 25 marzo ore 17.00

L' Istituto Internazionale di Studi Liguri (Sezione Sabazia), in collaborazione con l’Università degli Studi di Genova, l’Amministrazione Comunale di Savona, il Liceo “Chiabrera-Martini” e il “Civico Museo Archeologico e della città”, organizza il quinto corso di introduzione all’ archeologia e allo scavo archeologico. Il corso è propedeutico alla partecipazione alle indagini archeologiche nell’area dell’antica Cattedrale medievale di Savona sul Priamàr. Con queste campagne di scavo (autorizzate dal Ministero per i Beni Culturali e col supporto della Fondazione “De Mari”) si intende approfondire le conoscenze sull’assetto dell’edificio religioso, l’individuazione della sua facciata ed il collegamento con il battistero ottagonale, in vista di una futura fruizione dell’area a fini culturali e turistici.

 

La partecipazione al corso è riservata agli studenti del Liceo “Chiabrera-Martini”

e ai soci dell’ Istituto Internazionale di Studi Liguri(IISL)

le persone interessate potranno iscriversi all’ IISL anche in occasione dell’ inizio del corso.

Il corso si tiene dal 4 marzo al 30 aprile presso il "Civico Museo Archeologico e della città" sul Priamàr. Si articola in due parti: la prima maggiormente tecnica; la seconda dedicata ad approfondimenti sull’ antica cattedrale e sulle vicende storiche del Priamàr e della città di Savona.

Coloro che avranno seguito il corso potranno poi partecipare alla prossima campagna di scavo dell’ antica cattedrale di S. Maria di Castello, sul Priamàr, e alle attività di studio e documentazione dello scavo e di catalogazione dei reperti rinvenuti. Lo scavo è diretto dall’ Istituto Internazionale di Studi Liguri, su concessione del Ministero dei Beni Culturali.

Parte prima: lo scavo archeologico

1) La ricerca archeologica e lo scavo stratigrafico;, 2) Il laboratorio post-scavo; 3) La ceramica e i materiali non ceramici; 4) La ceramica medievale; 5) La ceramica post-medievale e moderna (dal Cinquecento all’ Ottocento); 6) Il rilievo cartografico e la documentazione grafica e fotografica; 7) Organizzazione e gestione del cantiere di scavo.

Parte seconda: il Priamàr e l’archeologia a Savona

a)       Il Priamàr nel tempo: aspetti geologici e botanici il popolamento; b) L’archeologia a Savona e il ruolo dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri; c) La Cattedrale, le sue descrizioni e la ricostruzione grafica; d) Origini della Diocesi a Savona; e) L’antico abitato di Savona sul Priamàr e la Fortezza genovese; f) Dalla cattedrale alla Casa dei Colonnelli; g) Il Museo e le antiche collezioni; h) Dallo scavo al Museo; i) Visita guidata alle testimonianze medievali e dell’antica cattedrale in città; j) Il Priamàr tra Mazzini e la Giovine Italia.



“Neo-archeologia: foto, cartoline e cartografie della Savona d’ un tempo”

sabato 2, 16 e 30 marzo alle ore 16


Il ciclo di incontri è organizzato dalla Sezione Sabazia dell’ Istituto Internazionale di Studi Liguri, con parecchio materiale che sarà proiettato nella sala video del Museo. Tra le antiche piante e fotografie dei secoli XIX e XX sarà possibile seguire le trasformazioni e le vicissitudini urbanistiche che tra la metà del XIX secolo e la metà del XX secolo trasformarono profondamente la fisionomia della città di Savona, con prima l'uscita dalla cerchia delle mura medievali e poi si sviluppò dove un tempo erano solo orti, ma anche con sventramenti di interi quartieri della città antica, per l’ apertura delle vie Paleocapa, Giuria, Orefici e Gramsci. Saranno mostrate le immagini di una Savona che piano piano sostituì profondamente la città come si era configurata dal medio Evo all’ Età Moderna; si vedrà come si presentava un tempo la città e come via via venne modificata.  Un’ occasione importante per ripercorrere l’ evoluzione storico-urbanistica della nostra città, attraverso la visione delle antiche immagini. Tutti gli interessati sono invitati a partecipare

Ingresso gratuito
 
è gradita la prenotazione via email:

info@museoarcheosavona.it


Istituto Internazionale di Studi Liguri Sezione Sabazia


DOMENICA 17 MARZO 2019 ALLE ORE 17

PRESSO IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI SAVONA

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ENZO BARNABA' SU:"IL PASSO DELLA MORTE" OVVERO
IL LUOGO DI TRANSITO SULLA FRONTIERA PER LA FRANCIA E LE SECOLARI VICENDE ACCADUTE

A cura di Danilo Bruno ed Enzo Bernabò (con il patrocinio della Società Savonese di Storia Patria)


1. “Un panorama che mi mozza il fiato e mi carica positivamente, ogni giorno che Dio manda in terra”. Ecco Grimaldi, dove la vista è idilliaca e dove le luci di Mentone si vedono scintillare a poche centinaia di metri. Ma Grimaldi, non è soltanto visione paradisiaca, è ed e stato per secoli anche luogo di transito per chi, non munito di documenti in regola, ha cercato e cerca di passare in Francia nella speranza di una vita migliore.

I luoghi hanno una memoria, basta saperli interrogare perché ci raccontino quanto custodiscono. È così che questo libro – scritto da Enzo Barnabà ed illustrato da Viviana Trentin - ci narra storie ed aneddoti sorprendenti: la vicenda degli “aerei annusatori” che ha fatto tremare il governo francese, i passaggi clandestini del sedicenne Curzio Malaparte, del costruttore del Corbusier, di Peynet e di tanti altri. Barnabà è anche un noto africanista, cosa che gli permette di dar con autorevolezza voce a chi oggi cerca di attraversare la frontiera italofrancese.

 

2. "Cosa sia una frontiera, quale ne sia lo spessore, il peso, l’odore, e
quello di chi la attraversa; quali persone abbia salvato, quante ne
abbia condannate, attraendo con le luci appena al di là e poi tradendo
con rabbiosi dirupi che ingoiano corpi; quali miti e narrazioni si impiglino
al filo invisibile o spinato che separa l’inseparabile, ovvero un
paesaggio, una natura, che vivono di continuità e che solo l’incuria o
l’amorevolezza dell’essere umano possono rendere differenti. Cosa sia
una frontiera veniamo a saperlo con più forza da questo prezioso libro." (Gianluca Paciucci)


venerdì 28 dicembre ore 21 Savona  

presso la Chiesa di S. Giovanni in S. Domenico

 la “Corale Alpina Savonese” organizza la  

40° Rassegna di Cori

 

Parteciperanno, oltre alla Corale Alpina Savonese, gli amici del

Coro "Lunigiana" di Licciana Nardi (MS) ed il Coro "Tre Valli" di Venaria Reale(TO) .

La serata è dedicata all'Istituto Internazionale di Studi Liguri,

per promuoverne l'importantissima iniziativa culturale, storica ed archeologica, nell'ambito dell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018. Proprio per questo la rassegna ha ottenuto il

patrocinio del "Ministero dei Beni Culturali,

oltre a quelli della Regione Liguria, della Provincia, della Città di Savona e della Diocesi di Savona - Noli.

Per maggiori informazioni si veda il video:  https://www.youtube.com/watch?v=qVsefUn5Qwk


logoJPG


Il Museo inaugura una serie di iniziative volte ad aprire i nostri spazi al

pubblico, offrendo un pomeriggio o una serata diversa con ospiti speciali


Domenica 2 dicembre alle ore 17.00


“DALLA GALLETTA DEI VICHINGHI AL BRANDACUJUN

e COME DEI NAUFRAGHI FANNO CONOSCERE IN ITALIA LO STOCCHEFISSO”

Viaggio attraverso l' archeologia e la storia del pesce che ha cambiato il mondo

Con Laura Cerponi, Gianni Venturi e Simonetta Spinetti


Domenica 2 dicembre, Laura Cerponi, autrice del libro il Nobile Veneziano ed il Pesce Valentino, Gianni Venturi, autore di diversi libri di storia locale e Simonetta Spinetti, imprenditrice locale, ci condurranno,  tramite letture da diari medievali, disegni e cronache, in un viaggio di oltre mille anni fra Venezia ed il Circolo Polare Artico, le coste dell’America del Nord e quelle dell’Africa Nord-Occidentale, fino alle Repubbliche Marinare ed alle Albissole del 1600 per narrarci  la storia del pesce che ha cambiato il mondo: lo STOCCAFISSO. Ci saranno curiosità e ricette per chi, non solo ama cimentarsi in cucina, ma vuole anche saperne qualcosa di più!
L'idea è di unire alla tradizionale visita al museo,
lungo
 lo splendido percorso espositivo che segue le vicende storiche della nostra città,
un evento legato alle tradizioni locali che coinvolga i nostri cittadini!

 Vi aspettiamo al Museo dunque!!


Civico Museo Archeologico e della Città
Complesso Monumentale del Priamar
Venerdì 5 ottobre e Sabato 6 ottobre


CENTRO LIGURE PER LA STORIA DELLA CERAMICA
LI CONVEGNO INTERNAZIONALE DELLA CERAMICA


Ceramica 4.0
Nuove esperienze e tecnologie per la comunicazione, catalogazione e musealizzazione della ceramica


per maggiori informazioni scaricare la locandina

Affresco della Madonna di Savona

esposto per la prima volta al pubblico nel

Civico Museo Archeologico

Fu recuperato negli anni Ottanta da un pilastro della

Loggia del Castello Nuovo, sul Priamàr

Sabato 17 marzo, vigilia della festività della Madonna della Misericordia, è stata allestita a cura dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, attuale gestore a titolo gratuito del Museo stesso, l’esposizione di una interessante immagine della Madonna di Savona proveniente da un antico locale della Fortezza.

Si tratta di un affresco con l’immagine frammentaria dell’Apparizione della Vergine al Beato Botta, originariamente dipinto su un pilastro tardomedievale di un locale retrostante la Loggia del Castello Nuovo (1417), l’ unico sopravvissuto alle distruzioni genovesi del Cinquecento. Tale locale venne utilizzato come ambiente di servizio prima del castello medievale, poi della fortezza, fino all’uso di magazzino nel periodo di utilizzo ottocentesco della fortezza come reclusorio militare.

Non sappiamo quando, per un evidente atto di devozione, un ignoto pittore tratteggiò, all’interno di una semplice cornice, l’immagine dell’Apparizione. Certamente l’impostazione semplificata dell’evento e i tratti arcaici della figura della Vergine fanno pensare ad una delle più antiche raffigurazioni della Madonna di Savona, databile tra la fine del XVI e gli inizi del XVII secolo.

Per quanto fosse affrescata all’interno di un edificio, la presenza di un’apertura nella volta soprastante aveva provocato negli anni un continuo stillicidio sul dipinto, riducendolo a poco più di una sinopia. Per questo, quando nel 1989 si è provveduto al restauro di quei locali per destinarli a sede del Museo archeologico, si ritenne opportuno staccare il dipinto e provvederne al restauro. L’intervento venne eseguito al restauratore genovese Donato Gerbino e, dopo di allora, il dipinto è stato conservato nel deposito del Museo stesso.

Pochi sono quindi i savonesi che hanno avuto modo di vedere il dipinto e ci è sembrato opportuno esporre, proprio in occasione della festività della Madonna della Misericordia, questa interessante testimonianza di devozione e di arte popolare.

Il dipinto rimarrà esposto nella Sala ad Ombrello del Museo archeologico da sabato 17 a domenica 25 marzo secondo gli orari di apertura del Museo Archeologico (giovedì 10-13, venerdì 10-13, sabato 10-14 / 16-18, domenica 15 -18).  



 

 

PRIAMàR 

CORSO DI INTRODUZIONE ALLO SCAVO ARCHEOLOGICO


Mercoledì 15 novembre - ore 15,00  e poi ripetuta anche alle ore 17,30 - presso Civico Museo Archeologico - ulteriormente ripetuta alle ore 15 di giovedì 16 novembre                                                                          

Terza lezione

L' antica cattedrale di Savona sul Priamàr: fonti storiche, descrizioni, stato delle ricerche archeologiche e ipotesi di ricostruzione grafica.


L’Istituto Internazionale di Studi Liguri organizza, in collaborazione con il "Civico Museo Archeologico e della Città",  l’Università degli Studi di Genova e l’Amministrazione Comunale di Savona, un "corso di introduzione allo scavo archeologico", propedeutico alla partecipazione alla 13^ campagna di scavi archeologici  nell’area dell’antica Cattedrale medievale di Savona sul Priamàr. 

Con questa campagna di scavo (autorizzata dal Ministero per i Beni Culturali e col supporto della Fondazione De Mari) si intende approfondire le conoscenze sull’assetto dell’edificio religioso, l’individuazione della sua facciata ed il collegamento con il battistero ottagonale, in vista di una futura fruizione dell’area a fini culturali e turistici.

 Le lezioni del corso si tengono ciascuna una volta alla settimana, triplicate (uguali) in giorni e ore diversi, per tenere conto delle esigenze dei partecipanti: tanto dalle ore 15 alle ore 16,45 del mercoledì e del giovedì, quanto dalle ore 17,30 alle ore 19,15 del mercoledì, presso il "Civico Museo Archeologico e della Città", sul Priamàr.  .

Chi fosse interessato ad iscriversi alla Sezione Sabazia dell' Istituto Internazionale di Studi Liguri può compilare il modulo di iscrizione, da consegnare in Museo oppure da spedire via mail info@museoarcheosavona.it 


Priamàr Sotterraneo 2017 

Venerdì 20 ottobre 2017 - Ore 20,30

"Priamàr Sotterraneo 2017"                 

 Prenotazioni: info@museoarcheosavona.

Sono ammessi visitatori fino al numero massimo di 90 persone, che saranno suddivise in gruppi di visita separati.

Per la visita guidata occorrono scarpe adatte (chiuse, che non scivolino) e una pila a mano (o frontalino).

La visita completa di tutti i sotterranei si protrae sino alle ore 23,15 circa; tra introduzione al Museo e primo sotterraneo si arriva alle ore 21,30 circa; dopo di che ogni sotterraneo aggiuntivo occupa circa mezz'ora ciascuno (compresi i percorsi all' aperto di trasferimento da un sotterraneo all' altro). 

*****

**************************************

Fa@MU   2017     

Famiglie al Museo 2017

Domenica 8 ottobre si organizza una visita guidata del Museo Archeologico e del Complesso monumentale del Priamàr.

Ritrovo alle ore 10,30 presso l' ingresso del "Civico Museo Archeologico e della Città" (Palazzo della Loggia, Piazza del Maschio, Fortezza di Savona sul Priamàr).

Iniziativa rivolta a tutti i bambini, obbligatoriamente accompagnati da un adulto. Partecipazione gratuita sia per i bambini che per gli accompagnatori.

                                                                               *****

Per tutta la giornata ingresso gratuito al Museo per tutti i bambini accompagnati da un familiare.   

Iniziativa rivolta a tutti i bambini, obbligatoriamente accompagnati da un adulto. Partecipazione gratuita sia per i bambini che per gli accompagnatori.

Dove / Where: Civico Museo Archeologico e della Città

Quando / When:08/10/2017
 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam porttitor augue a turpis porttitor maximus. Nulla luctus elementum felis, sit amet condimentum lectus rutrum eget.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam porttitor augue a turpis porttitor maximus. Nulla luctus elementum felis, sit amet condimentum lectus rutrum eget.